Bracciano, lavori in arrivo per il Paciolo e Braccianese

Approvato ieri in C.M. il pareggio di bilancio grazie all’impegno messo in campo dalla nostra maggioranza. Proficuo il “bottino” degli interventi per il nostro territorio braccianese, grazie ai seguenti stanziamenti:

Bracciano S.P. 493 Braccianese – lavori di riqualificazione della pavimentazione stradale dal Km 30+000 al km 33+300 per un importo di 390.000,00 euro;

Bracciano I.T.C. L. Paciolo sede Via Piave 22 lavori urgenti di rifacimento impermeabilizzazioni edificio principale e tinteggiature interne. Consolidamenti strutturali e ripristino dei cornicioni. Lavori di bonifica aree esterne, per un importo di 800.000,00 euro.

Un altro punto messo a segno nella valorizzazione della nostra città a beneficio di tutti i cittadini.Il mio impegno continua con costanza e abnegazione per portare a “casa” altri traguardi importanti.

Consigliere delegato Città metropolitana Marco Tellaroli.

La Regione Lazio ha stanziato 1,5 milioni di euro da destinare ai comuni lacuali

 La Regione Lazio ha stanziato 1,5 milioni di euro da destinare ai comuni lacuali per ampliare l’offerta delle strutture turistiche idonee alla balneazione e per incrementare le potenzialità ricettive delle spiagge. Il contributo è indirizzato al sostegno dei maggiori oneri dovuti alla dotazione e all’adeguamento delle strutture temporanee ricettive, alla gestione dei flussi di turisti e all’assistenza degli stessi, ottemperando alle norme relative all’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Il contributo sarà erogato al 30% in base alla popolazione residente nel comune e il 70% in proporzione all’estensione lineare complessiva degli arenili destinati alla balneazione nell’anno 2019.

“Aiutare il settore turistico a ripartire in sicurezza è fondamentale per la ripresa delle attività economiche dalla nostra regione. Dopo aver stanziato 6 milioni per i comuni del litorale per adeguare stabilimenti e spiagge libere alle nuove disposizioni sanitarie, aiutiamo anche i comuni lacuali, una meravigliosa risorsa del nostro territorio ed è necessario sostenere il loro tessuto economico”,

In allegato la DGR 271 Misure in favore dei comuni lacuali:

Fondi imprese: ecco il modulo per i prestiti da 25.000 euro.

Microprestiti alle imprese garantiti al 100% dallo Stato pronti a partire.

A disposizione fino a 25 mila euro per imprese, artigiani, autonomi e professionisti come previsto dal Decreto imprese appena pubblicato in Gazzetta ufficiale.

Per ridurre i tempi di attuazione era stata già inviata alla Commissione Ue, ancor prima dell’approvazione del decreto legge, la notifica con la quale era stata richiesta l’autorizzazione ad adottare questi nuove regole di aiuti di stato e che oggi ha ricevuto il tempestivo via libera da Bruxelles.

Il modulo è stato pubblicato sul sito del Fondo di garanzia, rendendo così operativa la misura prevista dal decreto Liquidità (D.L. n. 23/2020, articolo 13, lettera m).
Per tali finanziamenti il rilascio della garanzia è automatico e gratuito, senza alcuna valutazione da parte del Fondo. Il soggetto finanziatore pertanto potrà erogare il finanziamento con la sola verifica formale del possesso dei requisiti, senza attendere l’esito dell’istruttoria del gestore del Fondo medesimo.

Elementi da considerare prima della domanda

Prima della presentazione delle domande è bene tener presente alcuni elementi.Come espressamente stabilito dal decreto Liquidità, saranno ammissibili alla garanzia del Fondo, con copertura al 100% sia in garanzia diretta sia in riassicurazione, i nuovi finanziamenti in favore di PMI e di persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza Coronavirus (COVID-19) come da dichiarazione autocertificata, purché tali finanziamenti prevedano:- l’inizio del rimborso del capitale non prima di 24 mesi dall’erogazione e una durata fino a 72 mesi;- un importo non superiore al 25% dell’ammontare dei ricavi del soggetto beneficiario, come risultante dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero, per i soggetti beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019, da altra idonea documentazione, come autocertificazione (comunque, non superiore a 25.000 euro). L’importo del prestito di 25.000 euro è pertanto l’importo massimo del finanziamento.Il tasso massimo applicabile è rapportato al Rendistato, maggiorato dello 0,2%.

Come si compila il modulo

Il modulo dovrà essere compilato, nel caso di impresa, dal legale rappresentante dell’impresa (che dovrà indicare la denominazione e la ragione sociale, il codice fiscale, la data di costituzione e la sede legale) ovvero dal professionista o dal lavoratore autonomo, che dovrà specificare il numero di partita IVA e la data di iscrizione.Nel modulo dovrà essere specificato il codice Ateco dell’attività economica interessata dal finanziamento.Si dovrà inoltre dichiarare che l’attività è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19 e dovranno essere indicati i ricavi registrati nell’ultimo bilancio depositato o nell’ultima dichiarazione fiscale presentata.I soggetti costituiti dopo il 1° gennaio 2019, invece, potranno certificare i ricavi con un’autocertificazione oppure con altra documentazione idonea allo scopo.Altra informazione da riportare nel modulo riguarda gli aiuti relativi alle misure temporanee di cui alla Comunicazione della Commissione Europea del 19 marzo 2020 e successive modifiche e integrazioni di cui si è eventualmente già beneficiato e l’amministrazione che li ha concessi.

Documenti

Bracciano, richiesta di attivazione di informazione e supporto alle Imprese costrette a sospendere la propria attività per l’emergenza COVID-19 Coronavirus

Non sfugge a nessuno che le attività economiche del nostro territorio, a seguito dell’emergenza sanitaria in atto, rischiano seriamente di non resistere alla drammatica fase emergenziale che tutti noi, nostro malgrado, stiamo vivendo. Nasce così l’esigenza, da me fortemente sentita, di proporre all’amministrazione braccianese per i nostri concittadini, uno sportello comunale che possa dare supporto ed assistenza a chi oggi subisce un rallentamento improvviso della propria attività economica, grazie all’accesso a tutte le possibili fonti di finanziamento o agevolazioni già attivate o che verranno attivate nei prossimi mesi sia da parte dello Stato e Regione sia da parte di soggetti privati.

L’obiettivo è di mettere a disposizione degli imprenditori, artigiani, commercianti, attività turistiche e di servizi, un punto di ascolto delle esigenze e delle proposte, al fine di attivare iniziative di supporto alle attività economiche del territorio.

Lo Sportello mapperà costantemente tutti gli strumenti di sostegno a disposizione delle imprese locali messe a dura prova dall’emergenza Coronavirus, così da renderli facilmente utilizzabili, specie in considerazione dei numerosissimi quesiti, dubbi e difficoltà interpretative frutto di una sovrapposizione di disposizioni non sempre
chiare. Ma non solo.

Nei decreti governativi sono contenute disposizioni finalizzate al sostegno delle realtà imprenditoriali in difficoltà, che prevedono, ad esempio, la sospensione, a determinate condizioni, del pagamento delle rate del mutuo e degli affitti. Previsto il rinvio del pagamento delle tasse e dei contributi, e in alcuni casi la loro parziale cancellazione. Sostegno economico alle imprese, prevedendo di garantire una copertura del 100% da parte dello Stato sui prestiti erogati dalle banche alle imprese. per i prestiti è previsto un tasso allo 0,5% massimo e dovranno essere restituiti in sei anni, prestiti fino a 25 mila alle piccole e medie imprese e professionisti, prestiti fino a 800 mila euro con garanzia al 100% ma con una valutazione della solvibilità.

Con una garanzia da parte dello Stato sui prestiti erogati dalle banche alle imprese. per un tasso d’interessi allo 0,5% massimo e dovranno essere restituiti in sei anni.

Ciò a tutela della collettività tutta.
Consigliere Marco Tellaroli
07.04.2020

Di seguito la richiesta:

costituzione di uno sportello di supporto e consulenza alle attività economiche del territorio.pdf

Bracciano, abbiamo destinato i nostri gettoni di presenza all’emergenza

Bracciano, 
abbiamo destinato i nostri gettoni di presenza all'emergenza

La richiesta avanzata al Presidente dell’Assise

i sottoscritti consiglieri comunali, Alessandro Persiano, Marco Tellaroli, Donato Mauro, in merito al particolare momento che stiamo vivendo e, nello specifico, ai sacrifici e ai rischi che i dipendenti degli esercizi commerciali affrontano quotidianamente per assicurare a tutti noi l’approvvigionamento del necessario per le nostre esigenze quotidiane, chiedono formalmente che gli emolumenti loro dovuti per i Gettoni di Presenza dell’intero anno 2020 siano messi a disposizione per l’acquisto di presidi di sicurezza individuale (mascherine, guanti, gel disinfettante e quant’altro fosse necessario), da distribuire agli operatori esposti quotidianamente al contatto con il pubblico.

Chiediamo inoltre al Presidente del Consiglio di voler estendere a tutti i componenti del Consiglio Comunale, l’invito ad aderire a questa iniziativa in favore della categoria dei commercianti e di tutti i nostri compaesani.

Certi che Lei, con l’ausilio del Presidente del Consiglio, si adopererà con la massima sollecitudine affinché vengano presto messe in atto le procedure necessarie per adempiere a strettissimo giro alla richiesta degli scriventi”.

Cons. Com. Alessandro Persiano

Marco Tellaroli

Donato Mauro